IUC ON LINE - RISPOSTA QUESITI

IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE - FAI IL TUO QUESITO:

2014

Buongiorno. Essendo interessato a mettere in pratica il Compostaggio domestico, chiedo cortesemente se sono an
cora previsti sconti sulle tariffe Tares e dove reperire il Bidone per il Compostaggio. Grazie!

Anche per la Tassa Rifiuti 2014 ( TARI ) è confermata la riduzione del 20% per chi pratica il compostaggio domestico presso l'abitazione di residenza. I Bidoni devono essere acquistati privatamente dal contribuente presso ferramenta o supermercati e presentare richiesta di riduzione sull'apposita modulistica allegando lo scontrino di acquisto.

_________________________________________________________________

 

come si calcola la % del possesso immobile nel calcolo Tasi e Tari? L'immobile in questione ha due proprietari al 50%: uno residente a Viadana (casa abitazione) l'altro in un altro comune(seconda casa)?

 

Premesso che Tari e Tasi sono due imposte completamente diverse sui presupposti e sulle modalità di calcolo ( Tari a carico dell'occupante dell'immobile, calcolato applicando le tariffe deliberate dal comune moltiplicate per i mq. e aggiungendo la tassa fissa determinata per numero di abitanti, avvisi inviati dal Comune / Tasi a carico del titolare del diritto di proprietà dell'immobile o di altro diritto reale di godimento e calcolata applicando le aliquote e le detrazioni deliberate del comune, sulla base della rendita catastale dello stesso, e una percentuale deliberata dal comune a carico dell'inquilino, imposta in autoliquidazione)

Detto questo:

TARI -  L'imposta è a carico dell'occupante dell'abitazione con le stesse modalità da sempre applicate per la tassa rifiuti :  obbligazione solidale di tutti gli occupanti dell'abitazione con invio dell'Avviso di Pagamento al soggetto indicato dal contribuente come intestatario nella dichiarazione iniziale ( di solito il soggetto passivo coincide con il capo nucleo anagrafico della famiglia  )

TASI - la normativa ha previsto un'obbligazione solidale tra i soggetti passivi ma i chiarimenti del MEF hanno specificato che per facilitare il calcolo ogni soggetto passivo è tenuto per le proprie quote di possesso  ( come per IMU ). Pertanto:

Fabbricato di proprietà al 50% tra A) e B) ed abitazione principale solo di A)

per A) Abitazione Principale

                -TASI con aliquota e detrazioni abitazione principale per quota di possesso

Per B)  Fattispecie diversa dall'abitazione principale

                  -TASI con aliquota deliberata per fattispecie diversa dall'abitazione principale per quota di possesso

 _________________________________________________________________

 

abitazione principale RC 480,00; siate cortesi di farmi il calcolo Tasi 2014 al 2,7 per mille?

Il presente spazio è dedicato a quesiti generici la cui risposta possa essere di aiuto a tutti gli utenti interessati dalle medesime questioni. Detto questo la tasi è un'imposta in autoliquidazione.  Mentre per la Tari ( Tassa Rifiuti ) gli uffici provvedono al calcolo personalizzato ed all'invio degli avvisi di pagamento per TASI ed IMU gli Uffici Mettono a disposione gli strumenti e le informazioni per agevolare il contribuente al calcolo dell'Imposta in autoliquidazione ( autoliquidazione : il contribuente provvede da sè al calcolo e alla compilazione del modello F24 per il pagamento ).  CALCOLO TASI

 _________________________________________________________________

 

 IN CHE PERCENTUALE E' DOVUTA LA TASI DALL'INQUILINO?

 Il regolamento Comunale per l'applicazione delle IUC - Sezione Tasi prevede una percentuale a carico dell'Inquilino pari al 25%. Tuttavia essendo l'aliquota deliberata per le fattispecie diverse dall'abitazione principale pari a 0,0 per mille l'inquilino non deve versare nulla a titolo di Tasi 2014   ( Abitazione principale : fabbricato eletto a residenza e dimora abituale dal titolare del diritto di proprietà o di altro diritto reale di godimento e dai mebri del proprio nucleo fam. che vi abitano )

  _________________________________________________________________
 
QUAL E' LA SCADENZA DELLE VARIAZIONI TASI?

IN QUALI CASI DEVONO ESSERE PRESENTATE LE VARIAZIONI TASI?

 

I soggetti passivi d’imposta sono tenuti a dichiarare tutti i cespiti posseduti sul territorio comunale, nonché le eventuali variazioni e le cessazioni, applicando le medesime disposizioni concernenti la presentazione della dichiarazione dell’IMU. ( 30 GIUGNO DEL'ANNO SUCCESSIVO quello in cui il possesso degli immobili abbia avuto inizio ovvero a quello in cui siano intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta ) .

La dichiarazione, redatta su modello messo a disposizione dal Comune, ha effetto anche per gli anni successivi sempreché non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare del tributo.

Le Dichiarazione IMU e TASI non devono essere presentate in tutti i casi in cui il Comune possiede già le informazioni in quanto derivanti da atti notarili - iscrizioni/variazione anagrafiche - dichiarazioni di successione.... ) I Casi in cui le dichiarazioni IMU e TASI sono dovute sono elencate nel Regolamento comunale per l'Applicazione della IUC sezione IMU e nella GUIDA ALL'IMU.

Ai fini della presentazione della dichiarazione IMU 2014 occorre tenere conto che sono soggetti al versamento dell'imposta solo le abitazioni principali mentre le fattispecie diverse dall'abitazione principale non pagano la Tasi

  _________________________________________________________________

 

vi chiedo l'ALIQUOTA TASI per due posti auto non pertinenze di abitazione principale

 

Come piu' volte ricordato e specificato nelle precedenti risposte e come deliberato con atto n. 8/2014 la TASI per il Comune di Viadana si applica solo all'Abitazione Principale e relative pertinenze in quanto l'Aliquota deliberata per le fattispecie diverse dall'Abitazione Principale è pari allo 0,00 per mille.

  _________________________________________________________________

 

Sulla unità immobiliare concessa in comodato dal soggetto passivo  dell'imposta a parenti in linea retta entro il primo grado che la utilizzano  come abitazione principale è dovuta la TASI? Nel caso fosse dovuta, è da  computare anche la quota del 25% a carico dell'occupante? Grazie

 

Nel caso di immobile concesso in uso gratuito a parente in linea retta entro il primo grado, per un valore di rendita catastale massima di euro 500,00 l'immobile è a tutti gli effetti assimilato all'abitazione principale. Pertanto il soggetto passivo è esente da IMU ( fino a Euro 500 di Rendita Catastale ) e soggetto a TASI ( fino a Euro 500,00 di Rendita Catastale ) in base alla propria quota e mesi di possesso.

La quota di rendita eccedente  Euro 500,00 è soggetta all'IMU all'aliquota ordinaria ( 10,1 per mille )

 

La percentuale di possesso del 25% è riferita agli inquilini e riguarda solamente il soggetto passivo titolare di abitazione diversa dall'abitazione principale ( che a Viadana non versa nulla in quanto deliberata aliquota  0,00 per mille ); pertanto, in tutte le ipotesi in cui si può parlare di abitazione principale, l’obbligo di versamento TASI ricade interamente sul proprietario e non sull’occupante.

 _________________________________________________________________

 

dove si possono trovare i nuovi modelli f24 per il versamento della tasi?
Il Comune di Viadana sul sito internet mette a disposione sia il Calcolo Automatico della Tasi con relativa stampa del modello F24 già compilato che il modello F24 da compilare e stampare.   
 
grazie per la vostra risposta relativa al modello f24.
premesso che non possiedo una stampante e che i nuovi modelli f24 sono introvabili e che la tasi è una tassa comunale, il Comune, al fine di agevolare il contribuente, dovrebbe mettere i mod. f24 da compilare manualmente in distribuzione all' urp.
 
in questi casi se ci si rivolge all'urp si potrà avere copie in bianco del modello f24 da compilare
 _________________________________________________________________
 
nel caso di immobili ad aliquota pari a zero devo stampare l'F24  a zero ?
 
Nel caso di immobili ad aliquota a zero ( fabbricati diversi dall'abitazione principale e aree edificabili ) non c'è nulla da pagare pertanto non bisogna stampare il modello F24 a zero
 
 _________________________________________________________________
 
L'inquilino che risiede nella propria abitazione deve pagare la TASI come abitazione principale ?
 
NO in quanto per Abitazione principale si intende l'abitazione principale ai fini IMU e pertanto l'abitazione in cui il proprietario ( o il titolare di altro diritto reale di godimento : usufrutto, abitazione,  superficie ) con la sua famiglia ha fissato la propria residenza e dimora
abituale.  Pertanto proprietario che risiede e vive nell'abitazione ( esattamente come IMU )
 
 _________________________________________________________________
 
Chi ha  gia pagato l'IMU per il ilsecondo garage deve pagare anche la Tasi per lo stesso immobile ???
 
NO
 
L'abitazione principale e relative pertinenze, una per ciascuna categoria ( Un C/6 - Un C/7),  sono esenti IMU ma pagano la TASI 
 
Gli altri immobili diversi dall'abitazione principale e relative pertinenze, una per ciascuna categoria,  a Viadana pagano solo L'IMU ( e pertanto anche il secondo garage paga solo l'IMU ): in acconto - a giugno - sulla base delle aliquote  2013 ed entro il 16 dicembre - a saldo - applicando a conguaglio le aliquote deliberate a luglio per l'anno 2014 ( si calcola l'imposta dovuta per l'intero anno con le aliquote 2014 e si detrae quanto versato a giugno in acconto ) 
 
_________________________________________________________________
 
Nel calcolo automatico della TASI viene richiesto il codice fiscale del coobbligato ed il codice identificativo. Se l'altro proprietario al 50% è il coniuge, va indicato il codice fiscale di quest'ultimo? Eventualmente con quale codice identificativo?
Il cacolo automatico TASI riporta il modello F24 così come predisposto ed approvato dall'Agenzia delle Entrate per tutti i Tributi per il quali si usa questo modello di pagamento.
Ai fini IMU - TASI normalmente ogni contribuente compila il proprio modello F24 ( anche per rendere più sicura la rendicontazione e l'integrazione con i programmi informatici comunali ); pertanto, la parte relativa ai coobbligati non dovrebbe essere compiata. Ogni coobbligato compila il prorpio F24 redigendo solo la parte relativa ai propri dati anagrafici.  Eventualmene nelle sezione  STAMPA F24  del sito si possono trovare tutti i CODICI IDENTIFICATIVI
 
Cosa si deve indicare nel campo "identificativo operazione"?

Nel Campo “IDENTIFICATIVO OPERAZIONE” è riportato, OVE RICHIESTO DAL COMUNE  il codice identificativo

dell’operazione cui si riferisce il versamento, comunicato dallo stesso Comune. 

Il Comune di Viadana non richiede un codice identificativo dell'operazione per i versamenti IMU e TASI

_________________________________________________________________

 

Buongiorno,

sono proprietario di una abitazione principale e un box di pertinenza, per  una rendita totale di Euro 364.77. Con il calcolo automatico del vostro sito   risulta un'imposta di 165.46 quindi inferiore a Euro 181.00. Risultato finale  non devo pagare nulla e quindi non devo neanche compilare l'F24. Desideravo risposta di conferma. Grazie.

 
Buongiorno, come nel caso degli di immobili con applicazione di aliquota zero ( fabbricati diversi dall'abitazione principale e aree edificabili ), anche nel caso di abitazione principale, quando per effetto dell'applicazione della detrazione risulta che non ci sia nulla da pagare  non si deve compilare e stampare il modello F24.
 
_________________________________________________________________
 
In definitiva l'abitazione principale e pertinenza pagano solo la Tasi ?
Si certo, l'abitazione principale non di lusso ( immobile non classificato nelle categorie catastali A/1 -A/8 - A/9 ) è esente per legge dall'IMU mentre è soggetto a TASI sulla base delle aliquote e detrazioni deliberate dai singoli comuni.
_________________________________________________________________
 
Sono  proprietario di una abitazione principale e relativa pertinenza (box). Non  
pago la Tasi perchè la detrazione è maggiore dell'importo calcolato. Quali  
imposte comunali devo pagare ? (Imu, Tari, Iuc)
 
La IUC - Imposta Unica Comunale è in realtà divisa in 3 componenti:
1. IMU - Dovuta dai proprietari di abitazioni principali di lusso ( A/1 - A/8 - A/9 ) - altri fabbricati diversi dall'abitazione principale non di lusso, terreni e aree edificabili, applicando le aliquote deliberate dal Comune
2. TASI - Dovuta dai proprietari di abitazioni principali applicando le aliquote e le detrazioni deliberate dal Comune
3. TARI - Che non è altro che la tradizionale Tassa Rifiuti ed è dovuta da tutti gli occupanti di fabbircati e dai possessori di fabbricati a disposizione.
 
Nel caso indicato il soggetto passivo :
1. E' esente IMU  per legge
2. Non è tenuto al versamento della TASI in quanto per effetto dell'applicazione di aliquota e detrazione il calcolo è pari ad € 0,00
3. Riceverà da parte del Comune l'Avviso di Pagamento TARI con allegato modello F24 per il versamento come meglio specificato nell'apposita sezione del sito
_________________________________________________________________
 
STABILIRE CHI SONO I SOGGETTI PASSIVI DELLA TASI:
 
Come più volte premesso la TASI applica le stesse regole vigenti per l'IMU
1) PROPRIETARIO (NON RESIDENTE) CHE HA DATO IN COMODATO L'IMMOBILE AI  
GENITORI
Soggetto passivo è il proprietario dell'immobile.
Se si tratta di comodato in uso gratuito a parente in linea retta entro il 1 grado che vi ha residenza e dimora abituale : fino a 500,00 euro di rendita catastale  versa la Tasi con le stesse aliquote e detrazioni previste per l'abitazione principale; la parte eccedente versa l'IMU come altri fabbricati. E' necessario presentare l'apposita dichiarazione.
 
2)L'USUFRUTTUARIO (100%)CHE RISIEDE NELLA STESSA ABITAZIONE CON IL NUDO  PROPRIETARIO (100%) E LA MOGLIE DI QUEST'ULTIMO (0 QUOTA DI POSSESSO)
Soggetto Passivo è l'Usufruttuario sulla base della normativa generale che prevede che i diritti reali di godimento prevalgano sulla nuda proprietà fino al ricongiungimento del diritto.
3) ENTRAMBI I CONIUGI RESIDENTI NELLA STESSA ABITAZIONE PRINCIPALE E CON
QUOTA DI POSSESSO AL 50% CIASCUNO

Soggetto passivo sono entrambi i proprietari ( o titolari di diritto reale di godimento ) sulla  base delle proprie quote di possesso.  Tuttavia in questo caso il versamento può essere effettuato anche per il 100% dell’imposta da uno dei 2 comproprietari ed occupanti essendo tenuti in solido all’adempimento dell’unica obbligazione tributaria.
_________________________________________________________________
 
DIPENDENTE DELLE FORZE ARMATE, E RESIDENTE IN ALTRA REGIONE, POSSIEDE AL 100% L'UNICO IMMOBILE A VIADANA IN CUI RISIEDONO IN USO GRATUITO I GENITORI. L'IMMOBILE E' DA CONSIDERARE IN OGNI CASO, ABITAZIONE PRINCIPALE
QUAL'E' IL TRIBUTO PIU' VANTAGGIOSO DA APPLICARE?
GRAZIE
Come dipendente delle forze armate l'immobile è assimilato all'abitazione principale se non locato ( in questo caso è solo in uso gratuito ai gentori )  e pertanto è esente da IMU ma paga la TASI .
 
_________________________________________________________________
 
Premesso che la base imponibile della Tasi è quella prevista per  l'applicazione dell'Imu da individuarsi nella Rendita degli immobili iscritti  a Catasto; allora per calcolare la Tasi si deve aumentare la Rendita  dell'immobile del 5%?
 
La risposta è già nella domanda : la base imponibile Tasi è quella prevista per l'applicazione dell'IMU. 
Ricordiamo che la base imponibile IMU ( come già la base imponibile ICI )  è costituita da un valore convenzionale che si ottiene moltiplicando la rendita iscritta in catasto, da rivalutare del 5% (ai sensi dell'art.3, comma 48, della legge 23/12/1996, n. 662), per i coefficienti che la legge individua per ogni categoria di immobile.
 
 
 
 
 
__________________________________________________________
 
Buonasera,  Sono residente e proprietaria della prima casa in un altro comune.  Nel vostro comune sono proprietaria si una seconda casa disabitata.  Devo pagare la Tasi?  Grazie.
 
Come piu' volte ricordato e specificato nelle precedenti risposte e come deliberato con atto n. 8/2014 la TASI per il Comune di Viadana si applica solo all'Abitazione Principale e relative pertinenze in quanto l'Aliquota deliberata per le fattispecie diverse dall'Abitazione Principale è pari allo 0,00 per mille.
La seconda casa disabitata, in quanto fabbricato sfitto paga l'IMU con aliquota al 10,3 per mille.
__________________________________________________________
 
Molti contirbuenti si trovano ad aver pagato l'acconto IMU 2014 anche sulle case abitate da parenti di primo grado in linea retta. Essendo che tale situazione è stata assimilata a quella dell'abitazione principale con esenzione Imu sino a 500 € di rendita catastale, è possibile che per il corrente anno si creino situazioni di credito d'imposta Imu per l'acconto pagato con i criteri del 2013 e debito d'imposta Tasi. E' possibile compensare i due importi sul modello F24 riportando come credito d'imposta l'acconto Imu pagato a giugno e come debito l'acconto e/o saldo TASI del prossimo 16 ottobre? Grazie.
 
E' possibile "compensare" i due importi ma non sul modello F24. Occorre fare i calcoli, vesare la differenza residua a titolo di saldo IMU e darne una comunicazione al Comune. Nel caso il contribuente non abbia somme da versare a titolo di IMU o comunque, in ogni caso, abbia versato una somma eccedente il dovuto occorre effettuare la richiesta di rimborso tramite l'apposito modello presente sul sito internet istiuzionale.
__________________________________________________________
 
Terreno agricolo con sopra immobili A/3, C/6, D/10 con requisiti di ruralità ( tutto affittato ad imprenditore agricolo): TERRENO E IMMOB. A/3 E C/6 SONO SOGGETTI AD IMU
L'IMMOB. STRUMENTALE D/10 ESENTE IMU E ANCHE COMPLETAMENTE ESENTE TASI ?.
Grazie
 
Come piu' volte ricordato e specificato nelle precedenti risposte e come deliberato con atto n. 8/2014 la TASI per il Comune di Viadana si applica solo all'Abitazione Principale e relative pertinenze in quanto l'Aliquota deliberata per le fattispecie diverse dall'Abitazione Principale è pari allo 0,00 per mille.
 
__________________________________________________________

 

Posso applicare la detrazione di euro 181,00 sia sull'abitazione principale  
che sulla casa data in uso gratuito al figlio? Entrambe hanno rendite  
inferiori a euro 400,00.
Grazie

 

Sono  proprietario di due immobili con rendita inferiore ai 400,00 euro, uno è  
adibito ad abitazione principale e  uno concesso in comodato gratuito alla  
figlia. Visto che quello in comodato è  equiparato ad abitazione principale,  
posso  applicare  su entrambe la detrazione di 181.00 euro?

 

 

L'abitazione concessa in uso gratuito a parente in linea retta entro il primo grado che vi risiede è assimilata a tutti gli effetti all'abitazione principale e pertanto si applicano le stesse regole : aliquota del 2,7 per mille e detrazione di 181,00 euro solo per gli immobili con rendita catastale fino a 400,00 euro.

__________________________________________________________

 

IMMOBILE POSSEDUTO DA UNA DECINA DI EREDI.... UNO DI QUESTI LO HA ADIBITO AD ABITAZIONE PRINCIPALE (PROPRIETARIO PER IL 6,66%) E UN'ALTRA HA LA RESIDENZA ALLA CASA DI RIPOSO.  LA TASI LA PAGA SOLO CHI LA ABITA PER LA SUA QUOTA DEL 6,66% O ANCHE LA MAMMA CHE HA TRASFERITO LA RESIDENZA ALLA CASA DI RIPOSO?

 

Paga la Tasi per la propria quota di possesso ed è esente da IMU

- Il Proprietario Residente

- La Mamma ( se per mamma si intende mamma del proprietario residente ) per assimilazione all'abitazione principale a parenti in linea retta entro il primo grado, tuttavia fino a 500,00 euro di rendita catastale.

 

Gli altri coeredi pagano l'IMU ognuno per la sua quota di possesso e sono esenti; allo stesso modo paga l'IMU la "Mamma" per l'eventuale parte di rendita eccedente i 500,00 Euro.

 

Invece, al fine di usufruire dell'assimilazione dell'immobile posseduto da anziano e disabile che hanno trasferito la residenza in casa di cura o di riposo occorre che l'abitazione non risulti locata o comunque utilizzata.

 

__________________________________________________________

 E' possibile pagare 2 euro di TASI? La mia casa di abitazione e il garage, complessivamente, hanno una rendita catastale superiore a 400 euro e quindi rientro nel secondo scaglione. IL mio commercialista mi ha consegnato un f24 con importo TASI di 2 euro dicendo che fino a 400 euro c'e' una detrazione di 181 euro. Ma se la detrazione non funziona da franchigia, e' giusto pagare 2 euro di TASI?

 

 

NO

se dalla cifra complessiva non e' stata detratta una somma a titolo di rimborso per somme indebitamente versate per imu pregressa il conteggio di 2 euro non e' possibile. Come giustamente rilevato nel quesito il limite di 400 euro e' uno scaglione, non funziona da franchigia.  Per maggiori info contattare gli uffici anche via mail o tramite la sezione quesiti specifici

__________________________________________________________

 

Buongiorno, due coniugi separati proprietari di prima casa al 50% ciascuno: uno risiede nella casa e l'altro risiede in altra abitazione. La tasi la paga chi risiede ma la paga per la propria quota del 50% o per l'intero? Grazie

 

Nel caso di provvedimento di assegnazione della casa coniugale, l'art. 4, comma 12-quinquies, del dl 16/2012 ha previsto che l'assegnazione delle abitazioni operata in sede di separazione, divorzio o annullamento del matrimonio si intende in effettuata a titolo di diritto di abitazione. Ciò determina la soggettività passiva esclusivamente in capo al coniuge assegnatario, a prescindere dalla titolarità di diritti reali sull'immobile. Pertanto per l'anno 2014  l'Imu non si applica agli immobili in questione, a prescindere dalla destinazione (prima casa o altro) loro attribuita dal coniuge assegnatario. Gli stessi saranno, però, soggetti alla Tasi secondo le regole ordinari; per cui se l'assegnatario è anche l'occupante (o ha comunque la disponibilità) dell'immobile, il tributo sarà tutto a suo carico.

 

Se non vi è ancora alcun provvedimento di assegnazione della casa conigale, il coniuge proprietario che vi risiede è esente IMU e soggetto a TASI mentre il coniuge che non vi risiede è soggetto ad IMU all'aliquota ordinaria.

 

__________________________________________________________

 Buongiorno,
per il calcolo della TASI x abitazione principale (NO lusso) la rendita catastale
va inserita con eventuale rivalutazione (in questo caso come) o il sistema
la ricalcola automaticamente ?
Grazie

 

La Rendita Catastale va inserita come da Visura Catastale. Il sitema poi provvede al ricalcolo automatico

__________________________________________________________

2015

Si paga la Tasi 2015, oltre all'abitazione principale, anche sulle pertinenze?

Si: Abitazione principale = abitazione più una pertinenza per ciascuno tipo C/6 - C/7 e C/2 ;

in caso di C/2 solo se l'abitazione principale non contiene già al proprio interno una cantina e/o una soffitta e/o un garage accastatati unitamente all'abitazione stessa.

Alla tasi si applicano, se non specificato diversamente, le stesse regole che valgono per  l'IMU

_________________________________________________________________________

Chiedo se si può pagare a rate l'IMU 2015; il 1° acconto rateizzato con 4 o 5 rate mentre il 2° acconto tutto perchè è a saldo. Se si può rateizzare il primo acconto, che aliquota interessi si deve applicare?

Le scadenze dell'IMU sono fissate inderogabilmente dalla legge nazionale alle seguenti date:

Acconto : 16 Giugno

Saldo    :  16 Dicembre

Nel caso di ritardo si applicano le sanzioni e gli interessi previsti dalla normativa sul RAVVEDIMENTO OPEROSO

Ravvedimento Sprint

prevede la possibilità di sanare la propria situazione versando l'imposta dovuta entro 14 giorni dalla scadenza con una sanzione dello 0,2% giornaliero del valore dell'imposta più interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.

Ravvedimento Breve: applicabile dal 15° al 30° giorno di ritardo

prevede una sanzione fissa del 3% dell'importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.

Ravvedimento Medio è applicabile dopo il 30° giorno di ritardo fino al 90° giorno

prevede una sanzione fissa del 3,33% (sanzione minima ridotta ad 1/9) dell'importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.

Ravvedimento Lungo: è applicabile dopo il 90° giorno di ritardo

Prevede una sanzione fissa del 3,75% dell'importo da versare più gli interessi giornalieri calcolati sul tasso di riferimento annuale.

In caso di ravvedimento, le sanzioni e gli interessi vanno versati sommandoli all'imposta e quindi con lo stesso codice tributo. Dal 1° gennaio 2015 il tasso di interesse legale è pari allo 0,5 annuo

______________________

2016

Si può pagare il 1° acconto IMU 2016 con 3 o 4 rate ? Oppure rateizzare il totale annuo IMU 2016?

No non è possibile

Le scadenze IMU sono stabilite dalla LEGGE NAZIONALE : ACCONTO 16 GIUGNO - ACCONTO/SALDO INSIEME 16 GIUGNO -  SALDO 16 DICEMBRE.  Con l'introduzione della IUC stesse scandenze per TASI e TARI.

Le rateazioni sono ammesse solo per i provvedimenti di accertamento e/o di sollecito/riscossione coattiva nelle modalità disciplinate dal Regolamento Generale delle Entrate Tributarie Comunali.

___________________________

2017

Inviato il Martedì, aprile 18, 2017 - 13:23

IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE - FAI IL TUO QUESITO: La proprietà di una abitazione in Viadana  è di due fratelli al 50% ciascuno. Il primo fratello abitante a Viadana nella abitazione non paga l'Imu perchè è prima casa; il secondo fratello abitante a Milano dovrebbe  pagare l'Imu come seconda casa non locata, ma con quale aliquota 10,3 o 10,1 per mille?

Aliquota da applicare :  il 10,1 per mille 

visto che l'immobile non può essere ceduto in locazione in quanto già utilizzato da altro titolare di diritto reale di godimento

____________________________

 

Quando si applica l'aliquota per fabbricati sfitti?

Del. C.C. n. 97/2016 : ALIQUOTE IMU 2017

E. ALIQUOTA FABBRICATI SFITTI 10,3 PER MILLE

applicabile ai fabbricati sfitti, compresi i fabbricati gruppo D di cui al punto D, non utilizzati direttamente dal proprietario o altro titolare di diritto reale di godimento o da lui concesso in comodato gratuito a familiare entro il primo grado o concessi in uso ad attività di cui il proprietario risulti essere titolare e/o socio o comunque non risultino in alcun modo locabili.

 

__________________________________________

 

Inviato il Mercoledì, aprile 26, 2017 - 18:40

Nel calcolo TARI dei mq di una abitazione si considerano anche le stanze vuote da mobili e senza allacciamento luce, gas, ecc.; il proprietario vive in alcune stanze lasciando volutamente vuote le altre e togliendo i vari allacciamenti energetici solo in queste stanze

 

La tassa rifiuti è esente per gli immobili che sono contemporaneamente privi di mobili ( intendendo mobili suppellettili ed oggetti di qualsiasi tipo)  ed utenze. Normalmente risulta tecnicamente impossibile fare il distacco delle utenze per alcune stanze e non altre della stessa unità immobiliare in quanto occorre presentare disdetta alle società luce gas acque che provvedono alla chiusura del contatore. Non è sufficiente chiudere i rubinetti o togliere le lampadine. Se invece nel caso sopra illustrato è stato tecnicamente possibile farlo allora è possibile chiedere con l'apposita modulistica ( Dichiarazione Tari utenze domestiche ) l'aggiornamento della superficie tassabile allegando la documentazione attestante la cessazione della fornitura elettrica in primis e delle altre evenutali utenze ( gas acqua se zone servite).

__________________________________________

 

Informazioni sull'invio:

Lunedì, giugno 12, 2017

IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE - FAI IL TUO QUESITO:

RISIEDO NEL COMUNE DI VIADANA IN ABITAZIONE NON DI MIA PROPRIETA',
SONO PROPRIETARIO DI UNA ABITAZIONE NEL COMUNE DI VIADANA CHE HO DATO IN USO GRATUITO AI MIEI GENITORI, CHE LA ABITANO,
SONO PROPRIETARIO SOLO PER LA QUOTA DEL 25% DI ALTRA ABITAZIONE IN ALTRO COMUNE
POSSO USUFRUIRE DELLA AGEVOLAZIONE IMU PER LA CASA DATA IN USO AI MIEI GENITORI CON CONTRATTO REGOLARMENTE REGISTRATO?
 
Risposta:
 

In questo caso la riduzione NON E' POSSIBILE

 

Si ricordano i requisiti per l'agevolazione riduzione del 50% per immobili concessi in uso gratuito a parenti in linea retta entro il primo grado che la utilizzano come abitazione principale:

- Essere proprietario di un solo immobile in Italia concesso in uso grauito a parente in linea retta entro il primo grado che vi risiede; pertanto non bisogna avere altre quote di immobili ( dallo 0,01 al 100 per cento ) nel territorio Italiano.

Unica eccezione per il secondo immobile sito nel comune che viene usato come abitazione principale ( due immobili uno adibito ad abitazione principale ed uno concesso in uso gratuito a parente in linea retta entro il primo grado che vi risiede)

- che il soggetto passivo risieda anagraficamente e dimori abitualmente nello stesso comune in cui è sito l’immobile concesso in comodato

- contratto registrato

 

sempre e comunque  ad eccezione sempre delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Ai fini dell’applicazione delle disposizioni della presente lettera, il soggetto passivo attesta il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione di cui all’articolo 9, comma 6, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23

 

Maggiori info http://www.comune.viadana.mn.it/?q=content/page_riduzione-imu-abitazioni-concesse-comodato-d%E2%80%99uso-gratuito-particolari-condizioni_